Origini

Siamo una Congregazione religiosa di vita attiva, persone chiamate dal Signore a vivere in comunità la totale consacrazione a lui con i voti di povertà, castità e obbedienza. Siamo presenti in Italia, Ecuador, Angola, Argentina, Brasile, Perù, Cuba, impegnate nell’educazione, nella pastorale, nella catechesi e nelle opere di carità.
La nostra storia di Suore di San Francesco di Sales o Salesie, inizia a Ponte di Brenta (Padova), nel lontano1740, ed è frutto della passione apostolica del sacerdote padovano don Domenico Leonati (1703-1793), allora parroco di quella comunità. Preoccupato di rispondere alle varie povertà della sua gente, avverte l’urgenza di porre rimedio alla condizione di degrado, di ignoranza e di ozio in cui vivevano le ragazzine della sua parrocchia. Istituisce un «Conservatorio» e le affida alle cure materne di alcune «Vergini secolari», facendosi carico della loro formazione.

Don Domenico Leonati: preoccupato di rispondere alle varie povertà della sua gente

È questo il nucleo iniziale della nostra Congregazione. Nel 1751, il vescovo di Padova card. Rezzonico (1693-1769; dal 1758 papa Clemente XIII) chiama don Leonati all’incarico di confessore nel Seminario vescovile. Anche la comunità delle Vergini si trasferisce allora in città, nella contrada Vanzo, e le donne prendono il nome di «Vergini di Vanzo». Dalla nuova sede la piccola comunità si espande ed avvia scuole gratuite, in vari punti di Padova e a Venezia.
La soppressione napoleonica di molti istituti religiosi (1810) colpisce anche il Conservatorio e disperde i suoi membri. Ma negli anni della Restaurazione, Pasqua Sandrini, preziosissima erede del carisma di don Domenico, riavvia l’opera presso lo stabile dell’ex Collegio dei Padri Somaschi nel borgo cittadino di Santa Croce, dove sorge tuttora la sede generalizia. E l’Istituto, attraverso successive riorganizzazioni, diviene, alla fine del secolo XIX, una vera e propria congregazione di religiose ammesse ai voti: le Suore di San Francesco di Sales, o Salesie.

“Considerate San Francesco di Sales come vostro Padre e Fondatore”

Oggi viviamo la nostra vocazione radicate nella Parola di Dio e nella Regola di vita, cercando di assimilare i sentimenti di Cristo, per donare «la vicinanza e fiducia che nascono dall’amore» (cf. Regola 166) e facendoci, secondo il nostro motto, «tutte a tutti nella carità» (cf. 1ª Corinzi 9,22). Per volontà del Fondatore, seguiamo l’esigente e serena spiritualità di san Francesco di Sales, il dottore della bontà, mitezza e dolcezza, che sapeva manifestare la misericordia e la pazienza di Dio a quanti incontrava (cf. Regola VII). Questa spiritualità fondata sull’amore, congeniale all’essere e agire di don Domenico Leonati, confluisce nel nostro carisma fondazionale, dove si rispecchia la vita e la missione di ciascuna suora salesia che ha scelto di appartenere esclusivamente al Signore.
Cerchiamo, nel nostro stile di vita, di assimilare l’esperienza del nostro Fondatore e di chi ci ha preceduto, praticandolo attraverso le nostre relazioni fraterne e i vari servizi in mezzo al popolo di Dio.

Il carisma di don Domenico, che ci ha posto nel solco della «benedizione eterna» comunicata nella storia della salvezza (cf. Regole Leonati Pref. 3), impegna ancor oggi la Congregazione delle Suore di San Francesco di Sales a prendersi a cuore il bene delle persone, cercando di «essere umili nei riguardi di Dio e dolci nei riguardi del prossimo» (cf. Regola Cost.14).

Alcuni pensieri

San Francesco di Sales

Continuiamo solo a lavorare bene, sapendo che non c’è terreno tanto ingrato che l’amore del coltivatore non possa rendere fecondo.

Papa Francesco

Portiamo nel cuore il sorriso e doniamolo a quanti incontriamo nel nostro cammino.

Santa Giovanna di Chantal

Dio sia la vostra forza, la vostra pace e la vostra consolazione.