Cart

La vita è un dono da donare

“Animate dallo Spirito Santo edifichiamo comunità fraterne fondate sulla Parola di Dio, sull’Eucaristia e sulla preghiera comune” (cf RdV 80). La fraternità è il fulcro della vita delle nostre comunità, una realtà che va oltre le nostre povertà, le elevate età o la poca salute. Sempre nella comunità ognuna è chiamata a mettere, non a togliere e, pur con una vita lunga, sentiamo che non si è mai fatto abbastanza. Ad ogni età assaporiamo la bellezza del vivere insieme alimentando la catena dell’amore. “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni verso gli altri.” (Giovanni 13,35). Non siamo insieme per nostra scelta ma perché “lo Sposo Celeste ci ha unite insieme e questa unione ci tiene unite a Lui” (cf. Pref. Regole Leonati). Ci accogliamo come un dono e condividiamo una vita semplice, fatta di piccole attenzioni, di piccoli gesti che alimentano la carità, riflesso della presenza di Dio. Anche con una lunga età o infermità, ogni sorella continua ad “essere a servizio della Chiesa, nostra Madre”. (cf. RdV 80) È bello vivere accanto a sorelle che, pur con una storia di fatiche e di sacrifici, testimoniano la fedeltà e la gioia del dono di sé. Anche Papa Francesco ha ricordato: «quei santuari di apostolicità e di santità che sono le case di riposo dei preti e delle suore: bravi preti, brave suore, invecchiati aspettando che venga il Signore a bussare alla porta del loro cuore». (Papa Francesco omelia 18 ott.) Le sorelle delle nostre case di riposo, con il loro fragile ma sereno e fraterno vissuto quotidiano, sono stimolanti segni di quella santità che l’azione dello Spirito Santo riversa dappertutto.

Dalla Casa di Riposo di Thiene.

Mercoledì, 18 Aprile 2018